mar
26
2014

I biberon con bisfenolo A vietati in Europa finiscono in Africa dove i rischi non sono conosciuti e le madri ignorano il problema

Da “Il Fatto Alimentare”: Vendere i “rifiuti” al vicino ignaro di ciò che acquista: è la filosofia di chi commercializza biberon fabbricati con bisfenolo A (BPA) in alcuni paesi dell’Africa. Il BPA è una sostanza utilizzata per la produzione di plastica utilizzata spesso per stoviglie, recipienti e anche nei biberon. L’EFSA si è espressa più volte sui rischi associati al rilascio di questo interferente endocrino nei cibi con cui viene a contatto la plastica e nel 2011 la Commissione Europea ha vietato la produzione e la vendita di  biberon con BPA.

Che fare di tutti i biberon con BPA? La soluzione che lascia esterrefatti è stata molto semplice: venderli nei paesi africani in cui non  esistono vere e proprie regolamentazioni, e dove il problema non è conosciuto. Secondo uno studio pilota, pubblicato su Science of The Total Environment e condotto dall’Istituto Superiore di Sanità all’interno del network NOODLES (Nutrition and food safety and wholesomeness. Prevention, education and research Network), composto tra gli altri da ISS, CNR, e Università di Camerun e Nigeria, i bambini africani possono essere frequentemente esposti al BPA.

Leggi l’intero articolo su “Il Fatto Alimentare”

 

Related Posts

Info sull'autore:

Lascia un commento

Segnala una violazione

Cosa fare per inviarci una violazione del Codice.

Tutto su “TIGERS”

Tigers, il film del premio Oscar Danis Tanovic che denuncia le pratiche scorrette dei produttori di latte artificiale.

IBFAN, da 36 anni in tutto il mondo

Archivio delle news

Argomenti delle news