nov
9
2020

Nessun tramonto per il Codice, per favore: i bambini ci chiedono vigilanza

Nessun tramonto per il Codice, per favore: i bambini ci chiedono vigilanza

La 73 ma Assemblea Mondiale della Salute riprende online dal 9 al 14 Novembre 2020
Una nuova bozza di Risoluzione sarà discussa questa settimana alla ripresa della 73 ma Assemblea Mondiale della Salute.

La bozza propone che il rapporto biennale sul marketing dei sostituti del latte materno e degli alimenti per l’infanzia, parte integrante del Codice Internazionale fin dalla sua approvazione nel 1981, termini nel 2030. Ciò a dispetto di chiare prove sul fatto che dannose strategie di promozione commerciale, soprattutto in paesi privi di leggi efficaci, continuino a ingannare genitori e a minacciare la salute e la sopravvivenza di lattanti e bambini.
L’International Baby Food Action Network (IBFAN) ritiene che questi rapporti biennali debbano terminare solo quando ci siano, per esempio, prove convincenti che i paesi membri hanno adottato leggi e sistemi di monitoraggio efficaci, e che il marketing dannoso è stato eliminato.
Il dottor JP Dadhich, di IBFAN India e co-presidente del Consiglio Mondiale di IBFAN, dice: “Il marketing dannoso non finirà se non quando ogni paese avrà un legge rigorosa monitorata da enti indipendenti e fatta rispettare. Ci sono molti problemi importanti per l’OMS, ma questo tentativo di far tramontare una delle salvaguardie più efficaci ed essenziali non è accettabile. Se l’OMS deve far tramontare qualche sua decisione, che inizi con quelle che fanno poco o nulla per la protezione della salute.
La revisione biennale sullo stato di avanzamento del Codice Internazionale è usata dai paesi membri per condividere preoccupazioni e adottare Risoluzioni miranti a chiarire, rafforzare e aggiornare il Codice stesso, il primo esempio di codice a difesa globale dei consumatori. Il fatto che dal 1981 siano state adottate 19 Risoluzioni mostra che il Codice Internazionale non ha esaurito il suo compito e spiega perché i produttori di sostituti del latte materno abbiano sempre cercato di escluderlo dai programmi dell’OMS.
L’ultimo rapporto globale congiunto OMS/UNICEF/IBFAN mostra che 136 (70%) dei 194 paesi analizzati hanno qualche misura legislative in relazione al Codice Internazionale; 44 paesi hanno rafforzato queste misure negli ultimi due anni. Tuttavia, su pressione dell’industria e dei trattati commerciali che indeboliscono i meccanismi di salvaguardia, troppe leggi nazionali contengono pericolose scappatoie o fanno affidamento sulla cooperazione volontaria delle ditte.

Per ulteriori informazioni:
Claudia Pilato, presidente, IBFAN Italia, clapilato@gmail.com, +39 347 8467 636
Adriano Cattaneo, IBFAN Italia, adriano.cattaneo@gmail.com, +39 320 6797 647

Related Posts

Info sull'autore:

Lascia un commento

Segnala una violazione

Cosa fare per inviarci una violazione del Codice.

Tutto su “TIGERS”

Tigers, il film del premio Oscar Danis Tanovic che denuncia le pratiche scorrette dei produttori di latte artificiale.

IBFAN, da 36 anni in tutto il mondo

Archivio delle news

Argomenti delle news