giu
9
2022

State of the Code 2022

E’ uscito il rapporto di OMS, Unicef e IBFAN sullo stato di implementazione del Codice Internazionale nel mondo nel 2022, lo si può scaricare cliccando qui. Come nel rapporto 2020, l’Italia, assieme a tutti gli altri paesi dell’Unione Europea, riceve un punteggio di 32/100, che la colloca tra i paesi che hanno messo in atto alcune (poche) delle disposizioni del Codice. OMS, Unicef e IBFAN continuano a raccomandare a questi paesi di migliorare le loro leggi in direzione di un accoglimento di tutte le disposizioni del Codice. Speriamo che qualche governante dia loro ascolto, vista la situazione descritta e analizzata da due recentissimi rapporti dell’OMS

https://www.who.int/publications/i/item/9789240046085

https://www.unicef.it/media/rapporto-unicef-oms-piu-della-meta-dei-genitori-e-delle-donne-in-gravidanza-sono-esposti-a-un-marketing-aggressivo-sul-latte-artificiale/

Traduzione dell’Executive Summary:

Commercializzazione dei sostituti del latte materno: attuazione a livello nazionale del Codice Internazionale. La relazione sullo stato di avanzamento 2022[1]

SOMMARIO ESECUTIVO

Questo rapporto fornisce informazioni aggiornate sullo stato di attuazione nei paesi del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno (SLM) e delle successive risoluzioni pertinenti dell’Assemblea Mondiale della Salute (WHA) (collettivamente denominate “il Codice”). Il rapporto presenta lo status giuridico del Codice, compresa la misura in cui le disposizioni del Codice sono state incorporate negli atti giuridici nazionali. La relazione esamina in che modo le misure giuridiche adottate negli ultimi cinque anni differiscono dalle misure precedenti. Identifica inoltre le disposizioni specificamente relative alla commercializzazione digitale dei SLM.

Metodologia

OMS, UNICEF e IBFAN hanno raccolto informazioni dai loro uffici regionali e nazionali su misure legali nuove o aggiuntive adottate dai paesi dall’inizio del 2020. Inoltre, a questo rapporto sono state aggiunte precedenti misure legali in Argentina, Australia, Isole Cook, Montenegro e Nuova Zelanda, trascurate o classificate erroneamente nei rapporti precedenti. Le misure giuridiche sono state analizzate per portata e contenuto usando una lista di controllo standardizzata delle disposizioni del Codice (allegato 1).

L’algoritmo di punteggio del rapporto sullo stato del Codice nel 2020 è stato applicato per classificare la legislazione dei paesi in categorie. L’algoritmo assegna un punteggio per ogni disposizione del Codice, con un totale massimo possibile di 100 punti per le misure che riflettono tutte le disposizioni del Codice. I paesi con misure legali che hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a 75 sono considerati “sostanzialmente allineati al Codice”, quelli con punteggi tra 50 e meno di 75 sono considerati “moderatamente allineati con il Codice” e quelli con punteggi inferiori a 50 sono considerati avere “alcune disposizioni del Codice incluse”. Questo algoritmo facilita una classificazione sistematica e obiettiva dei paesi e delle loro misure legali.

Risultati: status giuridico del Codice

Nel 2020-2021, le protezioni contro la commercializzazione inappropriata di SLM sono state rafforzate in nove paesi (Costa d’Avorio, Etiopia, Kenya, Oman, Mauritania, Sao Tome e Principe, Sierra Leone, Svizzera e Vietnam). A marzo 2022, un totale di 144 (74%) dei 194 Stati membri dell’OMS (paesi) hanno adottato misure legali per attuare almeno alcune delle disposizioni del Codice. Di questi, 32 paesi hanno messo in atto misure sostanzialmente allineate al Codice. Si tratta di sette paesi in più rispetto a quanto riportato nel rapporto 2020, riflettendo il fatto che la maggior parte delle nuove leggi e regolamenti emanati nel 2020-2021 erano strettamente allineati con il Codice. Altri 41 paesi hanno misure moderatamente allineate e 71 hanno incluso alcune disposizioni, mentre 50 non hanno alcuna misura legale.

Esaminando questi numeri per regione, è evidente che le regioni africane, del Mediterraneo orientale e del Sud-Est asiatico dell’OMS hanno la più alta percentuale di paesi sostanzialmente allineati al Codice.

Risultati: caratteristiche delle recenti misure legali

Negli ultimi 5 anni, 26 paesi hanno aggiornato le loro misure legali o ne hanno emanate di nuove, mentre 86 paesi continuano ad attuare leggi e regolamenti più vecchi. Il 46% dei paesi con strumenti giuridici più recenti è sostanzialmente allineato al Codice, mentre solo il 23% dei paesi con strumenti più vecchi è sostanzialmente allineato. I paesi con una legislazione aggiornata hanno molte più probabilità di coprire i SLM per bambini fino a 36 mesi (69%) rispetto a solo il 22% tra i paesi con leggi più vecchie.

Le leggi e i regolamenti più recenti hanno molte più probabilità di coprire le disposizioni affrontate nelle successive risoluzioni della WHA. Il divieto di donazioni di materiale informativo e educativo da parte dell’industria, in linea con le linee guida del 2016 nella risoluzione WHA69.9, è coperto più frequentemente, così come il divieto completo di regali o incentivi per gli operatori sanitari. I paesi che adottano misure legali dal 2016 hanno maggiori probabilità di vietare le indicazioni nutrizionali e sulla salute, allineando le leggi con la risoluzione WHA58.32.

Analogo miglioramento non si osserva sugli indicatori per il monitoraggio e l’applicazione della legislazione, ma ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le disposizioni di monitoraggio e applicazione sono spesso delineate nei successivi regolamenti di attuazione e questi potrebbero non essere ancora stati elaborati per le più recenti misure giuridiche.

Risultati: disposizioni riguardanti il marketing digitale dei SLM

Dei 144 paesi con misure legali sul Codice, solo 37 menzionano esplicitamente la promozione dei SLM su Internet, canali digitali o altri mezzi elettronici. Nella maggior parte dei casi, questa menzione esplicita dei media digitali è limitata alla definizione di pubblicità (28 paesi) o alla menzione dei media digitali nel testo che vieta la promozione generale al pubblico (6 paesi). I divieti generali sulla promozione dei SLM contenuti nella maggior parte della legislazione sono ampi. Pertanto, per molti tipi di promozione, tra cui pubblicità, dispositivi di vendita al dettaglio e contatto diretto con le madri, la menzione esplicita dei canali digitali potrebbe non essere necessaria in quanto sono già coperti da un linguaggio più generale.

Tuttavia, potrebbe essere necessaria una maggiore specificità per affrontare varie nuove strategie di marketing nello spazio digitale. Un piccolo numero di paesi ha disposizioni esplicite nella propria legislazione sul contatto indiretto tramite comunicazioni elettroniche, linee di assistenza Internet, club madre/bambino online, concorsi per bambini, comunicazioni elettroniche via e-mail o siti web, hotline elettroniche, servizi di consulenza a distanza e punti vendita virtuali. Dato l’uso diffuso dei media digitali e degli strumenti per la commercializzazione dei SLM, in particolare usando nuove tecniche più potenti ed efficaci in termini di costi, le misure legali devono adattarsi a questo ambiente in evoluzione.

Conclusioni

Mentre la promozione dei SLM usando pratiche di marketing non etiche continua in tutto il mondo, molti paesi stanno combattendo. Il numero totale di paesi con una legislazione sostanzialmente allineata al Codice è cresciuto da 25 a 32 e il numero di paesi con misure legali su almeno alcune disposizioni del Codice è ora pari a 144. Questi progressi sono particolarmente degni di nota date le sfide che i paesi hanno affrontato nell’affrontare la pandemia di Covid-19 durante lo stesso periodo.

Permangono tuttavia lacune significative nelle legislazioni nazionali. Le disposizioni per prevenire i conflitti di interessi sono notevolmente carenti e anche la forma più ovvia di promozione – la pubblicità al pubblico – non è completamente vietata in un numero rilevante di paesi. La volontà politica di alto livello, i vincoli alle lobby dell’industria, le misure di responsabilità, i meccanismi di monitoraggio e applicazione, l’educazione al Codice e gli investimenti in risorse umane e finanziarie sono disperatamente necessari per accelerare i progressi nella protezione della salute di madri e bambini attraverso l’allattamento.

Raccomandazioni

1. I paesi che non hanno rivisto le loro leggi o regolamenti sulla commercializzazione dei SLM negli ultimi anni dovrebbero usare questo rapporto per identificare le lacune nella copertura di tutte le disposizioni del Codice e agire per aggiornare le loro misure legali. La legge modello OMS/EURO è uno strumento per contribuire a rafforzare i quadri normativi nazionali per proteggere i neonati e i bambini piccoli dagli effetti dannosi della commercializzazione dei SLM.

2. I paesi che non hanno ancora adottato misure legali sul Codice dovrebbero riconoscere i loro obblighi, sia ai sensi del diritto internazionale dei diritti umani che degli accordi internazionali, per eliminare le pratiche di marketing inappropriate attraverso azioni normative.

3. I paesi dovrebbero esaminare le nuove tecniche promozionali usate nei media digitali ed esplorare come i canali legali possono essere meglio usati per fermare questo tipo di promozione. Mentre molte strategie digitali sono già coperte dalle disposizioni legali esistenti e necessitano semplicemente di un monitoraggio e di un’applicazione più rigorosi, alcuni approcci promozionali online e sui social media richiederanno adeguamenti alle normative esistenti.

4. I governi devono stanziare bilanci e risorse umane adeguati per garantire che la legislazione nazionale sul Codice sia monitorata e pienamente applicata, garantendo che le sanzioni deterrenti siano regolarmente applicate in caso di violazioni.

5. Le associazioni professionali sanitarie e gli operatori sanitari dovrebbero svolgere i loro compiti ai sensi del Codice e della legislazione nazionale per evitare conflitti di interessi e proteggere, promuovere e sostenere pienamente l’alimentazione ottimale dei neonati e dei bambini nella prima infanzia.



[1] Marketing of breastmilk substitutes: national implementation of the International Code. Status report 2022. WHO, UNICEF and IBFAN, Geneva, 2022 https://www.who.int/publications/i/item/9789240048799

Info sull'autore:

Lascia un commento

Segnala una violazione

Cosa fare per inviarci una violazione del Codice.

Tutto su “TIGERS”

Tigers, il film del premio Oscar Danis Tanovic che denuncia le pratiche scorrette dei produttori di latte artificiale.

IBFAN, da 36 anni in tutto il mondo

Archivio delle news

Argomenti delle news