ago
18
2021

Un webinar Nestlé sugli alimenti per l’infanzia cancellato a seguito di proteste per la violazione delle normative sulla pubblicità

Il 14 agosto scorso, in Sudafrica, il colosso alimentare e delle bevande Nestlé ha annullato webinar pubblicitario “Free Stokvel Mom and Child Forum” a seguito delle proteste dei consulenti sanitari che segnalavano che l’azienda stava pubblicizzando prodotti per neonati e bambini, violando le normative nazionali sugli alimenti.

Il webinar dichiarava di offrire informazioni specifiche sulla dieta dei bambini, ma secondo l’associazione Healthy Living Alliance (Heala) nella sua pubblicità “presentava in primo piano tre prodotti Nestlé costosi, ultraprocessati e zuccherati per neonati e bambini piccoli”. I partecipanti potevano inoltre vincere un buono in denaro spendibile in generi alimentari.

Heala e diversi consulenti dietetici hanno segnalato che la pubblicità ha violato le normative nazionali del Sudafrica del 2012 che “proibivano ai produttori o distributori di alimenti complementari per lattanti e bambini, paragonabili a Nestlé, di offrire incentivi, allettamenti o inviti che potrebbero incoraggiare le vendite lorde o promuovere questi prodotti”.

I regolamenti vietano inoltre la “produzione, distribuzione o presentazione di informazioni didattiche relative alla dieta dei bambini e dei più piccoli”.

Non è chiaro tuttavia se alle società che hanno violato i regolamenti siano state comminate eventuali sanzioni, e l’operato dell’Advertising Standards Authority -che doveva vigilare su questo in coordinamento con le autorità sanitarie .

Di recente, anche ad aprile e maggio si sono svolti due webinar analoghi.

Il direttore delle comunicazioni e delle relazioni pubbliche della società Nestlé (Sudafrica) Saint-Francis Tohlang, ha dichiarato che l’evento “Free Stokvel Mom and Child Forum” è stato organizzato per creare una piattaforma per discutere le tappe fondamentali dello sviluppo e che l’occasione era totalmente conforme al Regolamento 2012 relativo agli alimenti per lattanti e bambini.

I suoi ambasciatori intendevano inoltre condividere dettagli sull’utilizzo dei suoi produttori di alimenti Nestlé Cerelac, Nestlé Nestum e Nestlé Nido 3+. Tohlang ha affermato che i buoni erano stati pensati per guidare le registrazioni dell’occasione e che comunque i regolamenti consentivano la vendita e la promozione di pasti complementari, come i tre prodotti citati.

“Abbiamo annullato l’evento a causa della sfortunata idea di numerose parti in causa che questo non fosse di supporto all’allattamento esclusivo dei bambini di età inferiore ai sei mesi.

“Continuiamo a sostenere l’allattamento esclusivo per i primi sei mesi di vita, seguito dall’introduzione di pasti nutrienti complementari, insieme all’allattamento al seno, fino a due anni di età e oltre”.

 

Per l’articolo completo in inglese, clicca qui

https://finalnews24.com/nestles-baby-food-webinar-scrapped-after-outcry-that-it-contravenes-advertising-regulations/

Info sull'autore:

Lascia un commento

Segnala una violazione

Cosa fare per inviarci una violazione del Codice.

Tutto su “TIGERS”

Tigers, il film del premio Oscar Danis Tanovic che denuncia le pratiche scorrette dei produttori di latte artificiale.

IBFAN, da 36 anni in tutto il mondo

Archivio delle news

Argomenti delle news