Cosa offriamo

Assistenza Diretta

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Informazione Qualificata

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Organizzazione Eventi

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Tutte le iniziative

I Nostri Gadget

T-Shirts

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Due

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Tre

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Sostienici

Di più su di Noi

La Nostra Soddisfazione

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Cosa dicono di Noi

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

E ancora...

Your content goes here. Edit or remove this text inline.

Aiutaci anche tu

Discussion – 

0

Discussion – 

0

Rischio contaminazione: come preparare la formula in sicurezza

 

La formula non è sterile, e persino le confezioni ancora chiuse possono essere contaminate, perciò è fondamentale seguire scrupolosamente le indicazioni per la preparazione di un biberon in tutta sicurezza. Per prevenire serie infezioni da Salmonella e Cronobacter Sakazakii è necessario infatti bollire l’acqua e poi attendere che scenda a 70°C: questa è la temperatura esatta e ottimale per non perdere i nutrienti nella formula e al contempo eliminare eventuali organismi nocivi. L’ideale sarebbe usare un termometro alimentare dedicato (perché anche questo può contaminare l’acqua) per verificare la temperatura, in mancanza orientativamente sappiamo che 1 l di acqua bollita dovrebbe mantenersi sopra i 70° entro circa mezz’ora dall’ebollizione.

Ultimamente si sta diffondendo l’uso di dispositivi che preparano e dispensano la formula già a temperatura: tuttavia, è sempre bene verificare e controllare la temperatura dell’acqua usando un termometro alimentare, segnalando eventuali malfunzionamenti al produttore del dispositivo.

Ricordiamo di seguito alcune importanti norme di igiene per prevenire contaminazioni: lavare e sterilizzare biberon e tettarelle ad ogni uso in quanto i residui di formula sono un ambiente ideale per la proliferazione dei batteri; pulire e disinfettare le superfici ad ogni uso per eliminare i batteri; lavare sempre le mani per non trasferire, visto che i batteri possono sopravvivere nella polvere per oltre una settimana.

Per chi volesse approfondire, è disponibile l’articolo in inglese pubblicato da Maternal and Child Nutrition li link  https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/mcn.13567

Riepilogando ecco le regole per preparare la formula in sicurezza:

  • bollire un litro d’acqua; attendere 30 minuti perché scenda a 70 gradi;
  • mettere la dose desiderata di formula in polvere nel biberon;
  • aggiungere la quantità necessaria d’acqua, verificando con un termometro alimentare dedicato che sia a 70 gradi;
  • agitare per dissolvere;
  • provare sul dorso della mano la temperatura del liquido prima di somministrare;
  • buttare la formula non somministrata entro 2 ore.

Di seguito alcune infografiche da salvare o scaricare:

Tags:

Segreteria IBFAN

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like